Pancreasectomia totale

L’intervento di pancreasectomia totale è una procedura chirurgica adottata solo in casi selezionati perché associata ad una mortalità ed una morbilità troppo elevate, soprattutto per un diabete di difficile controllo, senza i benefici oncologici della maggiore radicalità chirurgica. Per le localizzazioni del corpo-coda (neoplasie di questa sede sono resecabili solo in circa il 10% dei casi) l’intervento chirurgico consiste nella pancreasectomia distale e splenectomia.

Complicanze

La complicanza più frequente è l’ascesso sottofrenico sinistro con la presenza o meno di una fistola pancreatica che, per altro, ha un decorso benigno per la mancanza di contaminazione da liquido enterico.